Pilar Forcina
Non solo turisti

6 COSE DA VEDERE NEI DINTORNI DI MADESIMO IN E-BIKE

Sono sei le cose da non perdere assolutamente se decidete di visitare questa piccola parte della Valchiavenna in e-bike.



Madesimo è un piccolo paese di circa 580 abitanti racchiuso tra le maestose quanto eccezionali Alpi Retiche.
Ci troviamo in Valchiavenna – in Lombardia – in uno stretto territorio delimitato a sud dal Lago di Como e a nord dal confine svizzero.
Abbiamo avuto la possibilità di vivere un e-bike tour alla scoperta dei meravigliosi dintorni di Madesimo: Molteplici sono i luoghi che si possono visitare in questo territorio vario ed eterogeneo. Un territorio che ci ha dato tanto a livello di immagini, di persone, colori e profumi.

ALPE GROPPERA

I pascoli e i colori dei fiori di campo di questo luogo ci hanno rapito all’istante.
Ovunque cespugli di rododendri. Il silenzio e la tranquillità è interrotto solo dal fruscio incessante del vento.

Alpe Groppera è raggiungibile dal centro di Madesimo attraverso la cabinovia Larici.
È qui che hanno inizio i percorsi del downhill. Madesimo, infatti, è famosa per il suo MadeBike Park. Al suo interno adulti e bambini possono divertirsi in sella alle loro biciclette e passare una giornata diversa.
Il parco conta ben sette piste che si distinguono per grado di difficoltà.
Se non avete a disposizione l’attrezzatura adatta e le bike potete rivolgervi allo staff di Made4Fun.

Lago Azzurro

Non lontano dal paesino di Motta, a pochi chilometri da Madesimo, il Lago Azzurro si presenta in tutto il suo splendore.

Arrivare con le e-bike lungo le sue sponde è stata un’esperienza che difficilmente dimenticheremo. L’unico modo per godere pienamente del paesaggio circostante è sedersi e osservare in silenzio.
Le cime alpine – come delle donne vanitose – si rispecchiano nelle acque verdi-azzurre.
Gli abeti immobili circondano il lago quasi a proteggerlo. Qua e là il colore dei rododendri interrompe improvvisamente le tinte di verde tipiche delle Alpi.
Tutte immagini che ci hanno appagato e riempito il cuore.

LA MADONNA D’EUROPA

Proseguendo sul sentiero ciclabile che ci ha portato al Lago Azzurro, è possibile visitare la Madonna d’Europa dopo aver affrontato una breve salita.

È un monumento molto importante e significativo per le persone del posto perché voluto da Don Luigi Re.
Inizialmente il progetto prevedeva la sua sistemazione sul vicino Pizzo Stella. In seguito a un’ispezione del Ministero della Difesa, si arrivò alla non fattibilità del posizionamento della statua in alta montagna.
Così il 15 ottobre 1957 l’alternativa fu immediata: il monumento in onore della Madonna venne sistemato sulla vetta della Serenissima, dove ancora oggi è possibile ammirarlo.
Al di sotto di questo luogo sacro ci sono un altare e una cripta in onore di tutti i caduti europei della Seconda Guerra Mondiale.
Inoltre, ospita la tomba di Don Luigi Re, deceduto nel 1965 e famoso per aver salvato molti ebrei da morte certa.

IL SENTIERO DEGLI ANDOSSI

Il Sentiero degli Andossi parte in prossimità del “ponte romano” che attraversa il torrente Scalcoggia di Madesimo.

Dopo una breve ma intensa salita e qualche tratto pianeggiante giungiamo presso la piccola Chiesa di San Rocco.
L’altopiano calcareo si mostra in tutta la sua bellezza. Le cime aguzze dei monti si trasformano gradualmente in pascoli.
Il vento rende i campi animati e trasporta con sé il dolce profumo delle fioriture.
Dopo alcuni chilometri percorsi ci ritroviamo nella zona di Montespluga, ultima tappa dell’intera giornata.

MONTESPLUGA E IL SUO LAGO ARTIFICIALE

Il Sentiero degli Andossi termina nel paesino di Montespluga. La ridente località posta a meno di tre chilometri dal confine con la Svizzera ha la particolarità di affacciarsi sul lago detto dello Spluga.

Il bacino artificiale si è formato in seguito alla costruzione di una diga avvenuta nel 1931.
La Diga di Montespluga è un’opera ingegneristica sbalorditiva. Ogni singola pietra è stata lavorata artigianalmente e sistemata con grandissima precisione.
Dopo aver visitato la diga e il lago dall’azzurro intenso ci lasciamo dietro la sua sponda sud e percorrendo con le e-bike la SS36 giungiamo a Montespluga.

IL SENTIERO DEL TRACCIOLINO

Tunnel scavati nella roccia, un vecchio tratto di ferrovia, ampi panorami e la nostra e-bike. Sono questi gli ingredienti fondamentali per affrontare il Sentiero del Tracciolino.
Facilmente raggiungibile da Chiavenna, una cittadina più a valle rispetto a Madesimo, il Sentiero del Tracciolino è uno dei percorsi più spettacolari dell’Alto Lario percorribile anche in mountain bike ed e-bike.

Si estende per circa 10 chilometri tra la Valle dei Ratti e la Val Codera e raggiunge un’altezza di 900 metri. Il percorso alterna bui e lunghi tunnel a tratti panoramici dove è possibile ammirare parte della Valchiavenna, il sottostante Lago di Novate Mezzola e il più famoso Lago di Como.
A far compagnia ai bikers per diversi chilometri la ferrovia a scartamento ridotto ormai dismessa, utilizzata negli anni passati per il trasporto di materiali utilizzati per la costruzione di una diga.
Un sentiero molto particolare che vale la pena conoscere anche solo per osservare i suoi panorami o percorrere i suoi lunghi tunnel alla semplice luce di una torcia.

DOVE AFFITTARE LE E-BIKE A MADESIMO

Se non avete e-bike a disposizione per scoprire i dintorni di Madesimo, è possibile affittarle presso il Team Adventure Madesimo.
I clienti possono usufruire di diverse alternative di noleggio da poter valutare in base alle proprie esigenze. Inoltre, è possibile prenotare escursioni guidate.
Per maggiori informazioni potete contattare il numero 0343 56222.

Post correlati